statistiche

NEWS N° 21.03/2 – IO NON HO PAURA!!!

 

 

 

Cari compagno di Viaggio, 

domenica sarò alla manifestazione di Milano “NO PAURA DAY” per manifestare contro le politiche anticovid del governo, e la bella notizia è che potete partecipare anche se siete residenti in comuni diversi e addirittura di altre regioni, questa cosa sembra assurdo e incoerente rispetto all’andazzo, ma è così, la partecipazione alle manifestazioni è consentita, lo dicono qui su Repubblica. Non so come mai, probabilmente perchè vietarli sarebbe incostituzionale, per cui potete fare l’autocertificazione in cui dichiarate che state andando ad una manifestazione, oppure dichiarate quello che volete, tanto un giudice ha detto che chi dichiara il falso nella autocertificazioni non è punibile…sì, avete capito bene, leggete qui, siamo alla totale incoerenza paradossale… sei obbligato a fare una auto dichiarazione in cui però puoi dichiarare anche il falso… da questo punto di vista Covid è positivo perchè piano piano sta portando alla luce tutte le incoerenze del paradigma su cui è fondato il nostro sistema…

Se dissentite a tutto questo, se l’idea di mondo che avete nel cuore è diversa da quella che il sistema vuole imporci, allora diventa importante in questo momento uscire in strada per manifestare pacificamente e civilmente il proprio dissenso urlando a gran voce “IO NON HO PAURA!”…  Se Milano è troppo lontano per voi, allora fate una ricerca per vedere se ci sono manifestazioni nella vostra zona… e se non ci sono allora magari con qualche amico, attingendo alla vostra piccola dose di coraggio, potreste pensare di organizzare voi un “NO PAURA DAY” nella vostra città. Perchè No?

Avete sentito cosa è successo in Germania? La Merkel aveva programmato super lock down per Pasqua, ma c’è stata una insurrezione popolare in tutta la nazione ed ha dovuto fare marcia indietro e – udite udite – cosa inaudita per un politico: ha chiesto “PERDONO” ai tedeschi!

In tutta europa la gente sta scendendo in piazza… è arrivato il momento di tirare fuori l’anima del Guerriero, come dice la dottoressa Silvana de Mari in questo video che vi invito a guardare:  

E’ tosta la ragazza!!!… Ma l’avete riconosciuta? Si è proprio lei, la “stravagante signora” del video della scorsa news, in cui ci raccontava come gioire delle piccole cose della vita…

Anche lei cita l’associazione ippocrateorg.org  per l’assistenza domiciliare ai malati di Covid di cui vi avevo parlato in una precedente news e fa un appello ai medici per aderire come volontari perchè in questo momento hanno dovuto sospendere il servizio di assistenza domiciliare a causa di un esubero di richieste. Purtroppo a livello istituzionale al momento solo il piemonte è stata l’unica regione che si è organizzata con un protocollo per curare a casa i malati di covid.

Effettivamente sembra davvero di essere in guerra, a me la reazione dei governi al Covid fa pensare a quello che fecero i governi nella prima metà del novecento per contrastare quel virus chiamato “socialismo”, tutte le dittature in quel periodo nacquero per contrastare i movimenti anarchici e di lotta proletaria per la paura, in chi deteneva il potere, che potesse ripetersi quello che era successo in Russia… se ci riflettete non c’è tanta differenza… certo erano altri tempi… ma si possono trovare molto analogie… ad esempio tra i “comunisti” e i “no vax”… in quel tempo i comunisti venivano visti, dal comune cittadino inquadrato nel sistema, come gente strana e pericolosa… la stampa li attaccava ferocemente… e si è arrivati al punto di preferire di perdere i diritti costituzionali e dare il potere ad una sola persona pur di sentirsi protetti e rassicurati contro quella paura che avevano i Re, i politici, gli industriali e tutta la borghesia di fare la fine degli Zar…  rifletteteci, ricontestualizzato ai nostri tempi, non sta forse accadendo una cosa simile?  

I tempi cambiano ma le paure restano… e la madre di tutte le paura si chiama “Morte”… 

E, appunto, da un anno a questa parte il bollettino quotidiano dei morti Covid scandisce il nostro tempo… ma quando recitano il numero dei morti non dicono che l’età media dei decessi è di 81 anni, e che   la speranza di vita in lombardia la regioni che ha avuto più morti e attualmente di 82 anni   mettendo sullo stesso piano un ottantenne morto di Covid con, ad esempio, una ragazza di 31 anni morta (la Professoressa Ilaria Pappi) morta a causa del vaccino anti-covid che si dovuto inoculare per non perdere il lavoro da precaria. Ma queste morti non possono essere equiparate, con tutto il rispetto per gli over 80, ma un ottantenne la vita se l’è già vissuta a 31 anni hai ancora una vita davanti tutta da vivere… e la vita di una trentenne a cui mancano 50 anni per arrivare agli 80 vale la vita di 50 ottantenni che hanno già raggiunto il livello medio di speranza di vita… non è cinismo è democrazia, è equità sociale…  ma questo i giornali e i virologi non ce lo dico… loro fanno 2+2… e se si accorgono che il vaccino astrazeneca crea delle emorragie cerebrali proprio nelle persone sane che hanno probabilità bassissima di morire di Covid e quindi non avrebbe senso vaccinarsi, risolvono la questione aggiornando il foglietto illustrativo, integrandolo con una nota informativa relativa ai disturbi della coagulazione . E lo fanno perchè secondo la scienza i benefici dei vaccini, nonostante i morti per reazione avversa di astrazenaca, continuano ad essere superiore ai rischi, ma quale scienza? La scienza dovrebbe essere una e uguale per tutti, invece noi abbiamo la “scienza geopolitica” che cambia in base alle coordinate geografiche. Per cui se vivi sempre nell’Europa Unita ma nei paesi scandinavi allora la scienza ti dice che non è poi cosi certo che i benefici superino i rischi per i soggetti sani under 65, ma se invece vivi nel resto d’europa allora in tal caso c’è al certezza che le cose stanno proprio così. Punto. E guai a chi osa dire il contrario, e se poi è anche un medico allora gli spetta l’isolamento e l’emarginazione professionale… ma questo non è simile a quello che succedeva sotto il fascismo quando emarginavano chi provava a criticare il sistema? 🤦🏻‍♂️ Meditate gente!!!  

Addirittura, notizia di ieri (leggi qui), la Svezia ha autorizzato l’Astrazeneca solo per gli  over 65, ed in fondo questa scelta è molto più logica e razionale, non avendo rilevato morti per trombosi per gli over 65, mentre da noi paradossalmente l’astrazeneca lo fanno solo agli under 65…  Quindi dov’è la scienza??? Questi sono gli esempi che  bisogna fare a tutti quelli che si riempiono la bocca con questa parola… e dovremmo dirgli anche che, scientificamente parlando vaccinare un ragazzo sano di vent’anni con astrazeneca è una scelta malsana e irrazionale, perchè la probabilità di morire di emorragia cerebrale a causa di una reazione avversa da vaccino rischia di diventare più alta di quella di morire di Covid… ed è questa la ragione che ha fatto sospendere astrazeneca nei paesi nordici… Ma poi ci sono quelli che in nome della scienza dicono che anche se c’è un rischio per i giovani è giusto che lo facciano per un bene collettivo dato che se si vaccinano tutti poi si raggiunge l’immunità di gregge… a queste persone ditegli che si stanno sbagliando, perchè a causa di tutte le varianti non si raggiungerà mai l’immunità di gregge, (leggi qui) questo dice la Scienza!

E allora cosa dobbiamo fare, chi dobbiamo seguire? Dobbiamo seguire la Scienza, sì, ma quella con la S maiuscola e non quella inquinata dalla politica e dai conflitti di interesse… e soprattutto dobbiamo seguire la nostra Verità interiore… perchè in un momento come questo di caos totale in cui vale tutto e il contrario di tutto… la nostra bussola interiore diventa uno strumento fondamentale per individuare la giusta direzione… 

E’ importante però anche non fissarsi su un’unica direzione, anche se è quella con cui risuonavamo un attimo prima, ma essere pronti a cambiarla in ogni momento… la metafora perfetta è quella dell’acqua… in questo momento di caos totale dobbiamo essere come l’acqua , cioè fluidi e a volte anche aeriformi evaporando di fronte a certe situazioni senza andare a sbattere contro i  muri che ci stanno costruendo intorno… superando quel comandamento ipnotico che ci intima di rimanere chiusi in casa… perchè in realtà noi siamo liberi di uscire indipendentemente dal colore della zona.. i giudici hanno anche detto che possiamo dichiarare il falso senza essere puniti, che vogliamo di più?… Vogliono un scusa? Diamogliela e sentiamoci liberi di andare dove vogliamo…. Per andare all’estero serve un tampone? Andiamo in farmacia e ci facciamo quelli rapidi e sentiamoci liberi di valicare anche i confini se abbiamo voglia di farci un viaggio all’estero per respirare dell’aria un po’ meno pesante… non ci facciamo condizionare… ricordiamoci sempre che si tratta solo e soltanto di una nostra Scelta e che nessuno, come dicono i Portatori di Presenza, nessuno, può invadere il nostro Territorio Comune senza il nostro consenso… e se ci obbligano a vaccinarci? Innanzitutto nessuno al momento può obbligarci a farlo per ragioni costituzionali, ma possono ad esempio licenziarci o sospenderci, ecco quello potrebbe essere un caso un cui l’acqua – se la nostra bussola interiore ci da l’Ok – si trasforma in ghiaccio e porta gelidamente avanti la sua scelta convinto di essere dalla parte della ragioni e che nel tempo gli sarà riconosciuta… questo significa anche appellarsi alla legge e fare ricorso… magari chiedendo il supporto di associazioni come ippocrateorg.org che mettono a disposizione avvocati per sostenerci nel percorso legale… e non fatevi intimorire da quello che leggete nei giornali di giudici che hanno dato torto a chi non si era voluto vaccinare, perchè le cose non stanno esattamente così, nessuno e stato licenziato o sospeso, li hanno solo messi in ferie anticipate e quindi retribuite, lo dicono qui.

Ok, per oggi è tutto cari amici, anche stavolta ho messo tanta “carne” sul fuoco… vi saluto condividendo un post che ho scritto un paio di giorni fa su facebook, nato da una mia riflessione su come il Covid stia influenzando la percezione dei nostri sensi… sono certo che farà riflettete anche voi…. e se poi volete anche voi condividere le vostre riflessioni, avete sempre a vostro disposizione il vostro spazio qui sotto 👇

Alla prossima news 🙋‍♂️✨

Pietro Abbondanza :)*

  L’unica vera differenza tra la realtà digitale che vediamo attraverso lo schermo di TV, PC, Telefono ecc. e quello che vediamo nella realtà che ci circonda è che quest’ultima ha degli odori e dei sapori… e guarda un po’ il Covid fa proprio questo… tanti perdono il senso del gusto e dell’olfatto durante il Covid anche senza ammalarsi e c’è chi continua a non averli anche dopo… e se questo facesse parte di un cambiamento dell’umanità?

Se davvero come umanità stiamo perdendo questi due sensi? Allora a quel punto non ci sarebbe più alcuna differenza tra queste due realtà…. e a quel punto tanto vale starsene chiusi in casa e fare una vita virtuale come vogliono farcela fare adesso…. ma è veramente quello che vogliamo come umanità? Perché se questo sta accadendo forse è anche perchè vogliamo fare questa esperienza, perchè una parte di noi forse desidera starsene chiusa in casa…

La domanda che dovremmo porci, ognuno individualmente, è: Ma è li che voglio andare? E se invece li non ci vuoi davvero andare, allora occorre reagire e iniziare ad uscire e respirare a pieni polmoni i profumi della primavera… assaporarne i frutti e gridare a tutti in strada a voce piena: IO NON HO PAURA, ne di voi, ne del Covid, ne della morte… IO SCELGO LA VITA ADESSO!!!

________________________________
Per ricevere questa news via e-mail, Whatsapp o Telegram clicca qui
 
Per leggere le precedenti news clicca qui



4 commenti

  • Alessandra

    Pietro, hai snocciolato gli argomenti salienti con concetti diretti e chiari, perchè siamo allineati così, tutti noi che vogliamo risvegliarci da questa ipnosi di massa.
    Ma purtroppo è veramente dura far aprire gli occhi, anche se non molleremo mai fino alla fine.
    Hai tutto il mio sostegno, ti esorto ad esserlo sempre, un portavoce di coscienza.
    Ti ringrazio.

  • Marcello M.

    Grazie Pietro, hai parlato veramente chiaro, ma io ritengo che sia anche necessario andare oltre. Tante persone pensano ancora che i media raccontino la verità, mentre è esperienza secolare che chi sta al potere ha sempre manipolato le informazioni per far pensare al popolo ciò che vuole lui. Le statistiche della pandemia e dei morti Covid sono completamente falsate da queste situazioni aberranti:
    i tamponi non sono attendibili e danno oltre il 90% di falsi positivi (che chiamano “asintomatici”) perché il test PCR serve alla ricerca e non alla diagnosi, oltre al fatto che l’ISS ha stabilito che venga effettuato a oltre 35 cicli mentre l’attendibilità è fino a 24 cicli. Inoltre le statistiche del contagio contano sia asintomatici che sintomatici, mentre in realtà andrebbero contati solo i sintomatici.
    Le morti per qualsiasi causa che avvengono negli ospedali e nelle cliniche sono tutte attribuite al Covid-19 semplicemente perché c’è una sovvenzione di 2.000 € per ogni ricoverato o morto Covid.
    E’ evidente che c’è una malafede volta a terrorizzare le persone perché chiedano di essere vaccinate ad ogni costo. E’ necessario che tutti si risveglino su questa situazione per poter fare delle scelte veramente consapevoli.
    Un abbraccio

  • Giuseppe Morano

    Carissimo Pietro, ti seguo dai tempi di Kryon, mi ricordo in particolare le lezioni sugli strati del DNA. Ora i tempi sono diversi, occorre maggiore pragmatismo, stare con i piedi per terra e far sentire le proprie ragioni quando è ragionevolmente possibile. Non sto uscendo di casa, se non quando proprio non posso farne a meno, ma non per paura della polizia, bensì dei covidioti che non perdono occasione per saltare addosso a quelli che come me rifiutano l’orrenda e stupida imposizione della mascherina. Invito tutti a entrare nel sito “ippocrateorg.org” e ad aiutare secondo le proprie possibilità. Da parte mia, non essendo un medico, ho comprato il libricino rigorosamente in formato cartaceo “Guarire il Covid-19 a casa” di Mauro Rango. E’ un opuscolo molto utile di questi tempi perché, se ci trovassimo di fronte al problema, sapremmo come affrontarlo senza avere paura. Vi informo che io contrassi il 5 marzo 2020 il virus, per fortuna la sanità Lombarda faceva e fa acqua da tutte le parti e nessuno rispose al mio appello. Una psicologa, mia amica, mi suggerì immediatamente di non seguire le indicazioni dell’OMS (tachipirina e vigile attesa), mi prescrisse a voce un antibiotico, usai l’aspirina per abbassare la febbre e rendere il sangue fluido, feci incetta di vitamine, soprattutto C e D, in quindici giorni sono guarito e i polmoni non sono stati intaccati. Peraltro io sono un “Lavoratore Fragile”, così sono stato definito dal medico competente e avrei diritto a chiedere di essere vaccinato prima degli altri, cedo questo mio diritto al Ministro Speranza, lui ne ha più bisogno di me, magari le conseguenze, sperando che non siano estreme, potrebbero farlo ragionare un po’ di più.
    Vi abbraccio tutti. Giuseppe M.

Lascia un commento